Home La maestra 10 consigli per la lettura

10 consigli per la lettura

by admin
601 views
10 consigli per la lettura

Roald Dahl disse: “Se riesci a far innamorare i bambini di un libro o di due o di tre, cominceranno a pensare che leggere è un divertimento. Così, forse, da grandi diventeranno lettori.” Ecco i nostri 10 consigli per la lettura.

Il punto è proprio questo: lettori non si nasce ma lo si diventa attraverso un processo graduale che si snoda per tutto l’arco della vita. Ecco i miei 10 consigli per invogliare il bambino alla lettura.

Spesso la lettura prescolare, quella che passa per la lettura auditiva o per la lettura di immagini, erroneamente non viene presa in considerazione. Però i bambini sanno riconoscere a colpo d’occhio le loro storie preferite; sanno ascoltare, sanno raccontare, sanno a memoria brevi storie e filastrocche.

Allora perché aspettare che i bambini imparino a leggere prima di farli appassionare a questo mondo magico? Perché non abituarli alla lettura fin da subito? Ecco i miei 10 consigli per invogliare il bambino alla lettura, per poter diventare un buon lettore!

 

 

 

1. Leggete dove i bambini possano vedervi. Provate a riservare un momento della giornata alla lettura per voi stessi, vedrete che in quel momento anche i bambini cercheranno i propri libri. I lettori nascono da altri lettori.

2. Non rifiutatevi mai di leggere ad alta voce. Una delle caratteristiche della lettura ad alta voce è la condivisione di un’esperienza. Chiunque abbia letto ad alta voce a bambini sa quanto questo sia vero. I bambini si rilassano e si concentrano. Si siedono vicino, spesso abbracciati a voi. Mentre ascoltano, si sentono protetti ed entrano appieno nella storia.

Leggi di più sull’importanza di leggere a voce alta

3. Far scegliere ai bambini i libri da leggere. Ogni bambino, anche se molto piccolo, ha delle proprie passioni, una propria storia, dei bisogni che deve soddisfare e la predisposizione mentale dei bambini sarà tanto più positiva e favorevole quanto più potranno contare sul rispetto di queste passioni e delle loro preferenze.

4. Rileggere il libro finché il bambino lo chiederà. Se un libro o un film ci è piaciuto vorremo che questo non finisca mai… perché questo non dovrebbe essere anche per i piccoli lettori?

5. Proporre libri sempre accattivanti, ovvero belli e di qualità. Nessuno fa qualcosa che non gli piace fare, e nessuno legge qualcosa che non gli piace, perciò anche i libri devono essere stimolanti e attraenti soprattutto per i bambini.

6. I libri a casa devono essere accessibili ai bambini. I lettori sono impazienti e quando sono attratti da un libro desiderano immediatamente averlo tra le mani. Quindi è inutile tenere i libri chiusi in un armadietto o messi in uno scaffale alto, accessibile solo dall’adulto, per paura che si possano rovinare. I bambini devono sfogliare, leggere e gustare un libro ogni volta che hanno piacere di farlo.

Fantasy Fields by Teamson Magic Garden Libreria
Fantasy Fields libreria in Legno per Bambini
Libreria montessoriana con alfabeto tattile

7. Creare uno spazio adatto alla sola lettura con scaffalature che lo rendono confortevole e accogliente. L’importante è delineare uno spazio ottimale: la quiete e la serenità dell’ambiente in cui si legge dovrebbe accompagnarsi ad un reale stato di quiete mentale, uno spazio senza tempo in cui si viene a creare una relazione magica tra libro e lettore.

Leggi di più sul luogo di lettura

8. Giocare con i libri, fare in modo che questi siano tra i giochi scelti dai bambini. Esistono libri di ogni genere con cui si possono fare mille attività. Importante però è non rendere queste attività come una noiosa “comprensione del testo”, non basta fare le domande o disegni sulla trama del libro: si può drammatizzare la storia o cambiare il finale… sbizzarritevi.

Scopri i disegni delle fiabe da colorare!

9. Creare un “diario della lettura”. Ricordiamoci i libri letti, i personaggi incontrati, i luoghi visitati. La storia delle nostre letture è molto di più di una semplice lista dei libri. Essa è intrecciata con la nostra storia, la storia di come siamo diventati quello che siamo, e di come desideriamo diventare.

10. Raccontare nuove storie, e perché no, magari scriverne una insieme. Ancora tengo con me il mio primo libro scritto con mia mamma. Io raccontavo e lei scriveva al computer. Avevo solo 5 anni, ma ancora la ricordo come un’esperienza unica. Era una storia semplice, parlava di una principessa che andava alla scuola dell’infanzia e aveva tanti amici, però per noi era una storia da premio Andersen

Ricordiamoci però sempre che bisogna accompagnare i bambini nel grande universo della lettura e questo non lo si fa semplicemente dando un libro sulle mani. Bisogna crescerci insieme.

Alessia Tarantelli
Maestra

CONTATTAMI

Leggi anche